• Chiara Daniele

Youtube sfida TikTok: cosa sono gli shorts?

Dopo Instagram anche Youtube cerca di sfidare TikTok. Il colosso cinese è ormai famoso in tutto il mondo, soprattutto nella Generazione Z ed è questo che ha spinto Zuckerberg e Google a tentare di arginare, almeno in parte, il suo successo.



Dopo la sezione Reels di Instagram, anche Youtube ha deciso di stare al passo e ha dichiarato di avere un progetto nel cassetto, per il momento in via di sviluppo in India e pronto per essere lanciato (a quanto si dice) per la fine del 2020. Ma di cosa si tratta? Il nome scelto, che farà da concorrenza ai video di TikTok e ai Reels, è Shorts, una modalità che permetterà di creare dei mini-video direttamente dall’app di Youtube. Così come nelle altre piattaforme, i video avranno una durata di 15 secondi e potranno usare come sottofondo le canzoni presenti nella libreria infinita di Youtube, oltre ad avere accesso a un Timer e alla scelta della velocità che permetteranno di registrare a mani libere.


The Information ha pubblicato alcune curiosità a riguardo, sottolineando la possibilità di scegliere tra diverse velocità tra le quali Normal, Fast e Slow che consentiranno di creare diversi effetti a seconda delle esigenze. La funzione sarà disponibile unicamente da Mobile e si potrà decidere se caricare video precedentemente registrati o se invece provare a crearne uno dalla piattaforma stessa, scegliendo le modalità di registrazione e la musica presente nella libreria. Si potranno inoltre collegare le clip tra di loro, così da creare video dalla durata di 60 secondi. L’utilizzo sembra essere molto semplice e intuitivo: dall’applicazione di Youtube, basterà cliccare sul tasto Crea, poi Video e infine Crea breve video, con la possibilità di annullare la registrazione o ripeterla. Dopo aver completato questi passaggi, si potrà dare un titolo al proprio Shorts e selezionare un pubblico di destinazione (questo permetterà di decidere se un video è adatto o meno ai più piccoli).


I video saranno presenti nella sezione dedicata della Home e potranno essere trovati in Cosa guardare dopo. Lo scopo di Youtube è incoraggiare i creators a diffondere video per i propri fan in maniera semplice e divertente. Il vicepresidente della piattaforma, infatti, sostiene che la funzione Shorts si concentri su tre fattori in particolare: creare video in formato breve facilmente, far scoprire agli utenti di Youtube, a oggi 2 miliardi, nuovi contenuti creando una nuova community incentrata su Shorts e guardare video grazie a una fruizione facilitata.


Per ora i Reels di Instagram stanno avendo molto successo, sarà lo stesso anche per Youtube? Lo scopriremo solo alla fine dell’anno, quando questa nuova modalità verrà condivisa in tutto il mondo.